News

“Supersex” è disponibile su Netflix

immagine contenuto “Supersex” è disponibile su Netflix

Supersex“, presentata in anteprima mondiale alla 74ª edizione del Festival Internazionale del Cinema di Berlino nella sezione Berlinale Special, vetrina dedicata alle ultime produzioni di grandi registi e di opere cinematografiche legate ad argomenti di attualità, è disponibile su Netflix dal 6 marzo 2024.

La serie, in 7 episodi, creata e scritta da Francesca Manieri, è prodotta da Lorenzo Mieli per The Apartment, una società del gruppo Fremantle, e da Matteo Rovere per Groenlandia, società del gruppo Banijay.

Diretta da Matteo Rovere, Francesco Carrozzini, Francesca Mazzoleni, SUPERSEX è liberamente ispirata alla vita di Rocco Siffredi. La sua famiglia, le sue origini, il suo rapporto con l’amore, un racconto profondo che attraversa la sua vita fin dall’infanzia e ci svela come e perché Rocco Tano – un semplice ragazzo di Ortona – è diventato Rocco Siffredi la pornostar più famosa al mondo.

Il cast

Alessandro Borghi interpreta Rocco Siffredi, Jasmine Trinca è Lucia, un personaggio femminile di finzione che rappresenta la sintesi di molte donne con cui Rocco ha avuto una relazione nella sua vita, Adriano Giannini interpreta Tommaso, il fratellastro di Rocco, mentre Saul Nanni veste i panni di Rocco ragazzo. Nel cast anche Enrico Borello (Gabriele), Vincenzo Nemolato (Riccardo Schicchi), Gaia Messerklinger (Moana), Jade Pedri (Sylvie) e Linda Caridi (Tina).

Sinossi

SUPERSEX è liberamente ispirata alla vicenda di Rocco Siffredi (Alessandro Borghi). Narra la sua famiglia, le sue origini, il suo rapporto con l’amore in un racconto profondo che attraversa la sua vita fin dall’infanzia e ci svela come e perché Rocco Tano – un semplice ragazzo di Ortona – è diventato Rocco Siffredi, la pornostar più famosa al mondo. Rocco all’origine non è che un bambino povero innamorato di due cose al mondo: Tommaso, il più grande e coraggioso dei suoi fratelli (Adriano Giannini), fidanzato con la ragazza più desiderata del paese, Lucia (Jasmine Trinca), e Supersex, un fumetto pornografico con un supereroe molto particolare.

Quando in un’incredibile carambola del destino Rocco incontrerà davvero Supersex, scoprirà di avere il suo stesso superpotere, scoprirà che la sua vita può cambiare per sempre, che il suo superpotere è in grado di salvarlo dal difficile ambiente da cui proviene, ma gli chiederà di pagare in cambio il prezzo più alto: rinunciare per sempre all’amore, o almeno così sembra. SUPERSEX è un racconto che interroga il nesso tra porno e vita, la potenza del sesso e il legame con la morte. Attraverso la parabola della più famosa icona del porno vivente getta una luce su come viene costruito il maschile e quali siano gli interrogativi di desiderio e potere (ancora tutti inevasi) che dominano la relazione tra uomini e donne oggi.

Note di produzione

A cura di Lorenzo Mieli per The Apartment – società del gruppo Fremantle -, Matteo Rovere per Groenlandia – società del gruppo Banijay.

L’idea di raccontare la storia di Rocco Siffredi risale a molto tempo fa: un personaggio conosciuto dal grande pubblico come famoso attore porno ma dal grandissimo potenziale narrativo, un uomo dalla grande empatia e sensibilità ma con le sue contraddizioni.  Quando lo abbiamo contattato per la prima volta con la proposta di raccontare la sua storia, non si è tirato indietro ma è stato, anzi, un fiume in piena, dando inizio a questa bellissima avventura. 

Quella di Rocco era una storia molto complessa da raccontare ed era corretto “affidarla” alla voce autoriale più giusta.

Da subito abbiamo pensato che questa voce dovesse essere quella di Francesca Manieri, con cui entrambi, The Apartment e Groenlandia, avevamo già lavorato.

Il suo modo di trattare i sentimenti e l’identità sessuale è sempre così delicato e profondo e la sua scrittura è sempre così sorprendente, che non avevamo dubbi fosse lei l’autrice perfetta per affrontare Supersex.

Al processo di scrittura, molto lungo ed emozionante, ha fatto seguito quello della ricerca dell’attore che potesse interpretare Rocco.

Non avremmo potuto realizzare Supersex senza un interprete capace di esprimere allo stesso tempo la virilità fisica e la fragilità emotiva di Siffredi e l’unico attore in grado di restituirne le tante sfumature era Alessandro Borghi.

Alessandro ha sposato da subito questo progetto diventandone un preziosissimo partner: si è messo in gioco creativamente, ed è stato continuo e costante il suo approccio e il suo apporto alla serie. L’idea di affidare la regia a Matteo Rovere è stata proprio di Alessandro, che ha contribuito anche alla scelta degli altri due registi che firmano il progetto. Insieme a Matteo e ai produttori delegati Valentina Avenia per The Apartment e Ogi Dizdarevic per Groenlandia, che con cura hanno seguito tutte le fasi di questa serie, abbiamo deciso poi di coinvolgere Francesco Carrozzini e Francesca Mazzoleni per la chiusura del cerchio creativo.

Una volta individuato il giusto gruppo di lavoro, abbiamo proposto Supersex a Netflix, che si è dimostrata da subito la casa ideale per questo progetto.

Credito fotografico: Netflix / Lucia Iuorio



Partner