Eventi

APA e ANICA presentano la ricerca “Le serie e i film italiani sui mercati esteri: circolazione e valore economico”

immagine contenuto APA e ANICA presentano la ricerca “Le serie e i film italiani sui mercati esteri: circolazione e valore economico”

ANICA (Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive e Digitali) e APA (Associazione Produttori Audiovisivi) promuovono insieme la ricerca Le serie e i film italiani sui mercati esteri: circolazione e valore economico, realizzata in collaborazione con l’istituto di ricerca eMedia e con il sostegno di Agenzia ICE nell’ambito del MIA | Mercato Internazionale Audiovisivo 2023.

I dati sono stati illustrati oggi a Roma, presso il Cinema Barberini, da Emilio Pucci, ricercatore specializzato in audiovisivo e fondatore di eMedia, alla presenza del Presidente Commissione Istruzione del Senato Roberto Marti, del Presidente e del Direttore Generale ICE Matteo Zoppas e Lorenzo Galanti, del Presidente ANICA Francesco Rutelli e della Presidente APA Chiara Sbarigia.

Obiettivo dell’incontro è stato quello di sottolineare – attraverso l’analisi delle tendenze in atto e i principali fattori che le influenzano – la rilevanza delle industrie audiovisive per lo sviluppo economico e culturale del Paese e per la percezione dell’Italia all’estero.

Dai dati emerge che le coproduzioni internazionali ricoprono un ruolo fondamentale, risultando di fatto il primo motore della circolazione estera dei titoli audiovisivi italiani. Considerando, infatti, i valori medi relativi ai trienni 2017-2019 e 2020-2022, si registra un incremento del 51% delle opere realizzate insieme a produttori esteri, con un aumento significativo del numero di Paesi coinvolti in attività di questo tipo: 25 all’anno nel triennio 2020-2022, contro i 16 del triennio 2017 – 2020. 

Nel triennio 2020-2022 arriva a €103 milioni il valore complessivo degli apporti esteri (da parte di produttori in posizione minoritaria e paritaria) per opere cinematografiche e televisive, +49% rispetto ai €69 milioni registrati nel triennio 2017 -2019.

Complessivamente e sulla base di dati in continuo aggiornamento, si stima che il numero di serie e film italiani prodotti nel 2022 con una qualche circolazione estera si collochi tra i 183 (stima minima) e i 203 (stima massima), per un valore complessivo legato all’export che si attesta fra i €106 milioni (stima minima) e i €156 milioni (stima massima), in netta crescita rispetto ai dati relativi al 2017, quando la circolazione estera valeva quasi solo un terzo del valore attuale.

La ricerca rappresenta in numeri, pertanto, una fase di grande sviluppo data dalla coesistenza di quattro fattori che, tra il 2017 e 2022, hanno determinato una crescita dei volumi di produzione e di circolazione estera: 

  • l’incremento della domanda di titoli a livello mondiale;
  • l’ingresso nel mercato degli operatori globali VoD, che hanno assunto un ruolo importante nella produzione di serie e film di Finzione, Documentario e Animazione;
  • il Tax Credit, esteso (dal 2017) alle produzioni video-televisive e poi potenziato a ridosso della pandemia Covid-19;
  • l’ingresso sul mercato di capitali esteri che hanno spinto le imprese nazionali in un contesto di più ampie e intense relazioni internazionali.

Lo studio, tuttavia, avverte di come l’impatto di questi quattro elementi tenderà fisiologicamente a ridursi nei prossimi anni. Sarà fondamentale il confronto tra gli operatori del settore e le Istituzioni, al fine di continuare a sostenere il potenziamento delle capacità produttive e distributive della nostra industria e di favorire la crescita del valore economico e culturale che l’audiovisivo nazionale può portare all’Italia nel contesto internazionale.

Dichiarazioni

Così il Presidente ANICA Francesco Rutelli: «Continua il trend positivo per l’esportazione dei film italiani, a conferma della qualità delle nostre produzioni. Deve essere considerato non come un punto d’arrivo, ma di partenza, per sviluppare ulteriori opportunità, in particolare per le coproduzioni internazionali. Occorre attrarre nuovi investitori e lavorare a prodotti con una sempre maggiore vocazione all’esportazione. I film italiani sono un prezioso strumento contemporaneo del nostro Soft Power, e per la promozione del made in Italy»

«APA è da sempre attenta e dedita all’analisi dei dati dell’audiovisivo – ha dichiarato la Presidente APA Chiara Sbarigia – dati che ci hanno mostrato in questi anni un settore in evoluzione, con una struttura industriale che sta diventando sempre più solida e anche competitiva sul mercato internazionale. Crediamo quindi che l’impatto dei nostri film e delle nostre serie all’estero possa e debba continuare a crescere. La circolazione delle opere italiane all’estero racconta l’identità e la storia italiana, veicola il valore culturale del nostro Paese, potenzia le nostre imprese e valorizza le eccellenze artistiche»

“Il settore dell’audiovisivo ha grande potenzialità e ICE può essere di supporto a diversi livelli: quello più “tradizionale” attraverso l’aiuto che possiamo offrire intercettando le migliori opportunità di esportazione delle produzioni di film, serie e documentari nei mercati più interessanti, Europa e non solo; dall’altro proprio attraverso le produzioni audiovisive si possono promuovere e raccontare le moltissime eccellenze italiane, attraverso ad esempio le operazioni di product placement, fino alla più importante valorizzazione dei nostri territori quando le produzioni scelgono l’Italia come location.” Dichiara il Presidente ICE Matteo Zoppas 

«Questa ricerca nasce dalla solida e collaudata partnership di ICE con ANICA e APA, sotto la guida del Ministero degli Affari Esteri, che ha come mission comune quella di promuovere e far crescere l’industria creativa e media italiana sulla scena internazionale. I dati presentati oggi costituiscono un elemento cruciale nella mappatura dell’articolato panorama dell’audiovisivo e si registra un trend di crescita molto positivo. Dobbiamo lavorare in maniera sempre più sinergica affinché gli investimenti internazionali nelle produzioni italiane aumentino ancora ed essere competitivi nell’offrire servizi di qualità. ICE può giocare un ruolo chiave su mercati di riferimento come Europa, Nord America e Asia, grazie alla sua comprovata capacità di promozione e di valorizzazione del Made in Italy nel mondo.» Dichiara il Direttore Generale ICE Lorenzo Galanti.

Nota del Sottosegretario di Stato per la Cultura Sen. Lucia Borgonzoni

“La corsa allo sviluppo culturale ed economico dell’Italia può contare sull’energica spinta del sistema cinematografico e dell’audiovisivo: coproduzioni internazionali e serie e film italiani con circolazione estera rappresentano infatti uno straordinario motore di crescita. Lo studio Anica-Apa non fa che confermare l’importanza dell’impegno profuso dal Ministero della Cultura a sostegno della filiera. Avanti così, per una sempre maggiore valorizzazione del settore e quindi dell’intero Paese”.

Lo dichiara il Sottosegretario alla Cultura Lucia Borgonzoni a proposito di quanto emerso dalla ricerca “Le serie e i film italiani sui mercati esteri: circolazione e valore economico”, promossa dall’Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive e Digitali e dall’Associazione Produttori Audiovisivi, presentata oggi al Cinema Barberini di Roma.

La ricerca è disponibile sui siti web delle Associazioni: http://www.anica.it/?p=22076; https://ricerche.apaonline.it/.



Partner